Site Feedback

I libri..

 

Mi piace molto leggere. Quando ero da bambina c'era la grande libreria nella nostra casa. C'erano libri dappertutto: nel salotto nelle camere da letto e anzi nella cucina! Mio padre leggeva tanto, tantissimo! Ma ed oggi legge. Sempre e dappertutto. Dall'infanzia mi ero abituato che un libro è bene e giusto. Prima leggevo favole poi libri fantastici poi erano romanzi gialli e dopo leggevo già tutto che prendevo in mani.

Adesso preferisco la prosa moderna, scrittori classici francesi ed a volte leggo saggistiche della vita.

Non so esatto quanti libri ho già letto. Mi sembra 500, 1000 e forse anzi di più. Quando leggo mi sprofondo nella lettura, non mi accorgo nulla. In tali momenti vivo la vita del protagonista di libro. Non vedo niente, non sento niente.

A volte mi sembra che la lingua russa so abbastanza bene solo perché sempre leggevo molto.

Quando avevo 17 anni ho cominciato a scrivere le poesie. Adesso ho più di 300 le poesie. Per me questo era la possibilità parlare dei miei sensi delle mie ansie e di tutto ciò che mi preoccupava.

Oggi le scrivo molto raramente. Forse perché sono contenta forse perché non ho le cause per preoccuparmi. In ogni caso, penso che era stata una buona esperienza.

Share:

 

0 comments

    Please enter between 0 and 2000 characters.

     

    Corrections

    I libri..

    Mi piace molto leggere. Quando ero da bambina c'era la una grande libreria nella nostra casa. C'erano libri dappertutto: nel salotto, nelle camere da letto e anzi anche nella cucina! Mio padre leggeva tanto, tantissimo! Anche oggi continua a leggere. Sempre e dappertutto. Dall'infanzia mi ero sono abituata che un libro è un bene prezioso (oppure puoi dire è una cosa bella, importante). Prima leggevo favole, poi libri fantastici, poi sono passata ai romanzi gialli e dopo alla fine leggevo già tutto ciò (che mi capitava, oppure tutto ciò che mi passava per le mani) che prendevo in mani.

    Adesso preferisco la prosa moderna, gli scrittori classici francesi e a volte leggo saggistiche della vita (forse intendi saggi di sociologia? ).

    Non so esattamente quanti libri ho io abbia già letto. Mi sembra 500, 1000 e o forse anzi anche di più. Quando leggo mi sprofondo nella lettura, non mi accorgo di nulla. In tali momenti vivo la vita del protagonista di libro. Non vedo niente, non sento niente.

    A volte mi sembra ho la sensazione di conoscere la lingua russa abbastanza bene solo perché ho sempre leggevo letto molto.

    Quando avevo 17 anni ho cominciato a scrivere le poesie. Adesso ho scritto più di 300 le poesie. Per me questa era rappresentava la possibilità di parlare dei miei sensi (credo tu intendessi dire sentimenti), delle mie ansie e di tutto ciò che mi preoccupava.

    Oggi le scrivo molto raramente. Forse perché sono contenta, o forse perché non ho le cause per più motivo di preoccuparmi. In ogni caso, penso che sia era stata una buona esperienza.

     

    brava ;)

    Write a correction

    Please enter between 25 and 8000 characters.

     

    More notebook entries written in Italian

    Show More