Site Feedback

L'uomo più felice ho conosciuto

Egli parlava molto poco di se stesso, vestiva modestamente, aveva una faccia tranquilla e sempre un sorriso amichevole. No ho mai notato il minimo segno di nervosismo o di malumore in lui. Contava spesso aneddoti e faceva ridere la gente. Visto nelle strade, sarebbe scambiato per un lavoratore normale. Non aveva nulla di molto valore materiale. Quando parlava sembrava un umile maestro di scuola di base. È stata forse una dalle persona che ha più influenzato mia vita, il mio modo di essere e di pensare.
Le cose chi egli parlava erano facile di capire e facinavano le persone. Uno dei principi del benessere personale, secondo lui, era non preoccuparsi di ciò che altri pensano o giudicano di te. Ognuno ha il diritto di pensare quello che vogliono, diceva. Se a loro piace quello che tu sei, va bene. Se non piace, va bene anche. Soffrire, annoiarisi con il parere o l' atteggiamento degli altrii? Mai.
Se qualcuno è nervoso, dice parole offensive, sgradevole o fa qualcosa di irragionevole, perché combattere indietro e si annoiare? Se fate questo, più di raggiungere l'aggressore, il tuo atteggiamento farà più male a te stesso, al tuo stato d'animo e la tua pace interiore.
Se tratti il molestatore verbale allo stesso modo, probabilmente rovinerà il tuo propio stato d'animo, la tua giornata e non la sua, che probabilmente è già rovinata.
La gente, diceva, in generale, giudicano in base a una serie di idee, pregiudizi assimilati per tutta la vita. Le persone hanno una sorta di programma in mente che hano acquisito nel vivere con la famiglia, la scuola e la società. Questo programmino, questo software, non è generalmente molto buono.
Nell'ambito di questo programma, le persone giudicano gli altri in base a preconcetti, pregiudizi con i quali sono stati subliminalmente imposti. Quasi sempre che si comportano male non sono consapevoli di ciò che fanno. Se eravano, avrebbe agitto in modo diverso.
Ho imparato molte cose utili per il mio giorno per giorno con questo, per me, Maestro straordinario. Era il tipo di persona che, credo, chiunque vorrebbe avere come amico, zio o fratello.
E morto qualche anno fa. Non si preoccupò di scrivere tesi o libri su quello che pensava. Mai provato a convincere qualcuno di qualcosa. Alcuni ammiratorihanno registrate alcune delle sue lezioni. Alcune note furonno pubblicate. Il suo nome era Anthony de Mello. Poche persone hanno sentito parlare di lui.

Share:

 

1 comment

    Please enter between 0 and 2000 characters.

     

    Corrections

     

    Ho aggiunto alcuni commenti tra [].

     

    L'uomo più felice ho conosciuto

    Egli parlava molto poco di se stesso, vestiva modestamente, aveva una faccia tranquilla e sempre un sorriso amichevole. No ho mai notato il minimo segno di nervosismo o di malumore in lui. Contava Raccontava spesso aneddoti e faceva ridere la gente. Visto nelle strade, sarebbe scambiato poteva essere scambiato per un lavoratore normale. Non aveva portava/vestiva nulla di molto valore materiale. Quando parlava sembrava un umile maestro di scuola di base elementare. È stata forse una dalle personae che ha più hanno influenzato mia vita, il mio modo di essere e di pensare.
    Le cose chi di cui egli parlava erano facile di facili da capire e facinavano affascinavano le persone. Uno dei principi del benessere personale, secondo lui, era non preoccuparsi di ciò che altri pensano o giudicano di te. Ognuno ha il diritto di pensare quello che vogliono vuole, diceva. Se a loro piace quello che tu sei, va bene. Se non gli piace, va bene anche uguale/lo stesso. Soffrire, annoiarisi con il a causa del parere o l' atteggiamento degli altrii? Mai.
    Se qualcuno è nervoso, dice parole offensive, sgradevoli o fa qualcosa di irragionevole, perché combattere indietro e si annoiare? [non capisco che indendi dire] Se fate questo, più di raggiungere l'aggressore, il tuo atteggiamento farà più male a te stesso, al tuo stato d'animo e la tua pace interiore. [io riformulerei un po' più chiaramente il pensiero]
    Se tratti il molestatore verbale allo stesso modo, probabilmente rovinerà il tuo propio stato d'animo, la tua giornata e non la sua, che probabilmente è già rovinata.

    Trattare chi ti offende allo stesso modo, rovinerà il tuo stato d'animo e la tua giornata più che la sua, che probabilmente è già rovinata.
    La gente, diceva, in generale giudicano in base a una serie di idee e pregiudizi assimilati per tutta la vita. Le persone hanno una sorta di programma in mente che hanno acquisito nel vivere con la famiglia, la scuola e la società. Questo programmino, questo software, non è generalmente molto buono.
    Nell'ambito di questo programma, le persone giudicano gli altri in base a preconcetti, pregiudizi con i quali sono stati subliminalmente imposti condizionati. Quasi sempre quelli che si comportano male non sono consapevoli di ciò che fanno. Se lo eravano, avrebbero agitto in modo diverso.
    Ho imparato molte cose utili per il mio giorno per giorno [non capisco che intendi] con questo, per me,["per me" credo sia inutile qui, ma se proprio vuoi lasciarlo mettilo dopo "Maestro"] Maestro straordinario. Era il tipo di persona che, credo, chiunque vorrebbe avere come amico, zio o fratello.
    E morto qualche anno fa. Non si preoccupò di scrivere tesi o libri su quello che pensava. Non ha mai provato a convincere qualcuno di qualcosa. Alcuni ammiratori hanno registrate registrato alcune delle sue lezioni. Alcune note furonno pubblicate. Il suo nome era Anthony de Mello. Poche persone hanno sentito parlare di lui.

    L'uomo più felice CHE ho conosciuto

    Egli parlava molto poco di se stesso, vestiva modestamente, aveva una faccia tranquilla e sempre un sorriso amichevole. NoN ho mai notato il minimo segno di nervosismo o di malumore in lui. RACContava spesso aneddoti e faceva ridere la gente. Visto nelle strade, sarebbe scambiato per un lavoratore normale. Non aveva nulla di molto valore materiale. Quando parlava sembrava un umile maestro DELLA scuola di base(in Italia si chiama scuola primaria) È stata forse una dalle personE che ha più influenzato LA mia vita, il mio modo di essere e di pensare.
    Le cose DI CUI egli parlava erano facilI dA capire e AFFaScinavano le persone. Uno dei principi del benessere personale, secondo lui, era non preoccuparsi di ciò che GLI altri pensano o giudicano di te. Ognuno ha il diritto di pensare quello che VUOLE ,diceva. Se a loro piace quello che tu sei, va bene. Se non piace, va bene LO STESSO. Soffrire, annoiarisi PER il parere o l' atteggiamento degli altrii? Mai.
    Se qualcuno è nervoso, dice parole offensive, sgradevolI o fa qualcosa di irragionevole, perché combattere  annoiarSI? Se FAI questo, più CHE raggiungere l'aggressore, il tuo atteggiamento farà più male a te stesso, al tuo stato d'animo e ALLA tua pace interiore.
    Se tratti il molestatore verbale allo stesso modo, probabilmente rovinerà il tuo propio stato d'animo, la tua giornata e non la sua, che probabilmente è già rovinata.
    La gente, diceva, in generale, giudicano in base a una serie di idee, pregiudizi assimilati per tutta la vita. Le persone hanno una sorta di programma in mente che hano acquisito nel vivere con la famiglia, la scuola e la società. Questo programmino, questo software, non è generalmente molto buono.
    Nell'ambito di questo programma, le persone giudicano gli altri in base a preconcetti, pregiudizi con i quali sono stati subliminalmente imposti. Quasi sempre che si comportano male non sono consapevoli di ciò che fanno. Se eravano, avrebbe agitto in modo diverso.
    Ho imparato molte cose utili per il mio giorno per giorno con questo, per me, Maestro straordinario. Era il tipo di persona che, credo, chiunque vorrebbe avere come amico, zio o fratello.
    E morto qualche anno fa. Non si preoccupò di scrivere tesi o libri su quello che pensava. Mai provato a convincere qualcuno di qualcosa. Alcuni ammiratorihanno registrate alcune delle sue lezioni. Alcune note furonno pubblicate. Il suo nome era Anthony de Mello. Poche persone hanno sentito parlare di lui.

    Write a correction

    Please enter between 25 and 8000 characters.

     

    More notebook entries written in Italian

    Show More