Site Feedback

Una giornata di merda.

Sì, lo so, avrei dovuto dire "Una brutta giornata", ma dopo sette anni di crisi non ne posso più.
In questi anni ho vissuto bellissimi giorni, come quando sono nati i miei figli. E forse ognuno di quei giorni vale per cento cattivi.
Abiamo tanto lottato per allevare i bambini che, nel frattempo, la nostra relazione di coppia se non logorata, certamente si è raffreddata: I bambini occupano tutto il nostro tempo liberoe a noi due non ci resta nulla.
Ho molti amici disperati senza lavoro da più di tre anni, professionisti preparatissimi per un lavoro che non esiste più.
Sto imparando l'inglese ma faccio molta fatica. Studio di notte, quando mia moglie se ne va a dormire ma a quell'ora sono ormai stanchissimo.

L'italiano lo parlo meglio dell'inglese, me penso che soltanto mi servirebbe per non essere fregato come turista, ma come italiano.

Mi sento tradito dal mio paese, o meglio ancora, dai politici del mio paese. Mi hanno distrutto i miei sogni.
E mi sento tradito da me stesso. Credo di non aver lottato quanto avrei dovuto. Sono rimasto zitto quando avrei dovuto urlare e ho gridato quando avrei dovuto tacere.

E oggi è proprio una giornata di merda. Di merda perchè fa freddo, di merda perchè ho finito tutto il lavoro e non ce n'è più, di merda perche la solitudine penetra nel mio stomaco e la mia moglie e i miei figli non bastano a riempire il gelido buio che porto nel cuore. Di merda perchè vorrei oiangere e non ho nemmeno le lacrime.

Adesso devo partire, devo lasciare ufficcio e tornare a casa. E ora di indossare la maschera dietro la quale mi nascondo da tutto e da tutti.

Share:

 

0 comments

    Please enter between 0 and 2000 characters.

     

    Corrections

    Una giornata di merda.

    Sì, lo so, avrei dovuto dire "Una brutta giornata", ma dopo sette anni di crisi non ne posso più.
    In questi anni ho vissuto bellissimi giorni, come quando sono nati i miei figli. E forse ognuno di quei giorni vale per cento cattivi.
    Abbiamo lottato tanto per allevare i bambini che, nel frattempo, la nostra relazione di coppia, se non logorata, certamente si è raffreddata: i bambini occupano tutto il nostro tempo libero e a noi due non (ci) resta nulla.
    Ho molti amici disperati senza lavoro da più di tre anni, professionisti preparatissimi per un lavoro che non esiste più.
    Sto imparando l'inglese ma faccio molta fatica. Studio di notte, quando mia moglie se ne va a dormire, ma a quell'ora sono ormai stanchissimo.

    L'italiano lo parlo meglio dell'inglese, ma penso che mi servirebbe soltanto per non essere fregato come turista, ma come italiano.

    Mi sento tradito dal mio paese, o meglio ancora, dai politici del mio paese. Mi hanno distrutto i miei sogni.
    E mi sento tradito da me stesso. Credo di non aver lottato quanto avrei dovuto. Sono rimasto zitto quando avrei dovuto urlare e ho gridato quando avrei dovuto tacere.

    E oggi è proprio una giornata di merda. Di merda perché fa freddo, di merda perché ho finito tutto il lavoro e non ce n'è più, di merda perché la solitudine penetra nel mio stomaco e la mia moglie e i miei figli non bastano a riempire il gelido buio che porto nel cuore. Di merda perchè vorrei piangere e non ho nemmeno le lacrime.

    Adesso devo partire, devo lasciare l'ufficio e tornare a casa. È ora di indossare la maschera dietro la quale mi nascondo da tutto e da tutti.

    Una giornata di merda.

    Sì, lo so, avrei dovuto dire "Una brutta giornata", ma dopo sette anni di crisi non ne posso più.
    In questi anni ho vissuto bellissimi giorni, come quando sono nati i miei figli. E forse ognuno di quei giorni vale per cento cattivi.
    Abbiamo tanto lottato tanto per allevare crescere i nostri figlibambini che, nel frattempo, la nostra relazione di coppia se non logorata, certamente si è raffreddata: I bambini occupano tutto il nostro tempo libero e a noi due non ci resta nulla.
    Ho molti amici disperati senza lavoro da più di tre anni, professionisti preparatissimi per un lavoro che non esiste più.
    Sto imparando l'inglese ma faccio molta fatica. Studio di notte, quando mia moglie se ne va a dormire ma a quell'ora sono ormai stanchissimo.

    L'italiano lo parlo meglio dell'inglese, mema penso che soltanto mi servirebbe soltanto per non essere fregato come turista, ma come italiano.

    Mi sento tradito dal mio paese, o meglio ancora più precisamente, dai politici del mio paese. Mi hanno distrutto i miei sogni.
    E mi sento tradito da me stesso. Credo di non aver lottato quanto avrei dovuto. Sono rimasto zitto quando avrei dovuto urlare e ho gridato quando avrei dovuto tacere.

    E oggi è proprio una giornata di merda. Di merda perchè fa freddo, di merda perchè ho finito tutto il lavoro e non ce n'è più, di merda perche la solitudine penetra nel mio stomaco e la mia moglie e i miei figli non bastano a riempire il gelido buio che porto nel cuore. Di merda perchè vorrei piangere e non ho nemmeno le lacrime.

    Adesso devo partire, devo lasciare l'ufficcio e tornare a casa. E' ora di indossare la maschera dietro la quale mi nascondo da tutto e da tutti.

     

    Complimenti per il tuo ottimo italiano. Le mie sono precisazioni, ma molte sono pignolerie. La tua storia è molto toccante, ti faccio un grosso in bocca al lupo e non ti arrendere!

    Write a correction

    Please enter between 25 and 8000 characters.

     

    More notebook entries written in Italian

    Show More