10 miti per imparare l’inglese che ti impediranno di crescere nel tempo
Inglese

10 miti per imparare l’inglese che ti impediranno di crescere nel tempo

Dalla Torre di Babele alla nascita di una lingua franca: come possono comunicare i parlanti di lingue diverse? Questa è la domanda da cui partiamo per spiegarti innanzitutto cos’è una lingua franca, e come lo sia diventato l’inglese. Per prima cosa, ti racconteremo il ruolo di questa lingua nel mondo di oggi. Poi, ti faremo capire perché imparare l’inglese rappresenta una necessità impellente. E, inoltre, ti metteremo in guardia dai preconcetti che ti impediscono di crescere come studente. Infine, per aiutarti nel tuo percorso, ti daremo consigli su come imparare l’inglese velocemente.

L’importanza di imparare l’inglese, lingua franca del mondo contemporaneo

L’episodio della Torre di Babele che abbiamo menzionato è una spiegazione mitologico-religiosa dell’origine delle differenze linguistiche tra gli uomini. Tuttavia, nel corso della storia, per motivi commerciali, diplomatici e culturali si è andata affermando l’esigenza di parlare un’unica lingua. Tale lingua viene appunto definita lingua franca, ovvero una lingua veicolare registrata storicamente dalla fine del Cinquecento in area mediterranea. Essa è stata definita come una sorta di “lingua di emergenza”. La sua introduzione, inizialmente, ha agevolato la comunicazione soprattutto tra i mercanti, i prigionieri e i diplomatici europei. In passato ci sono stati numerosi esempi di lingua franca. Tra questi si annoverano: il persiano, il greco, il latino, il francese e l’italiano.

Nel tempo, lo stesso concetto di lingua franca si è evoluto notevolmente. È infatti passato dall’indicare uno strumento di comunicazione commerciale a uno strumento che mette in contatto tutto il mondo. L’affermazione dell’inglese in tal senso dal 1950 ha coinciso con il boom economico nel Regno Unito e negli Stati Uniti. Questa lingua è stata anche definita come “la lingua franca della scienza, del mercato, della comunicazione, dell’economia e della politica”. Pertanto, imparare l’inglese si rivela l’unico modo per non restare fuori dal mondo e da tutto ciò che vi accade.

Imparare l’inglese: preconcetti? No, grazie!

Il fatto che imparare l’inglese sia una necessità imprescindibile ha agevolato la diffusione di preconcetti legati all’apprendimento di questa lingua. Spesso, chi ha completato il suo percorso di studio ha l’abitudine di diffondere opinioni che non sempre corrispondono al vero. Così, gli studenti che stanno iniziando il loro percorso didattico partono con delle convinzioni che possono influenzarli fortemente. Per infonderti la giusta motivazione abbiamo raccolto per te 10 miti da sfatare sull’apprendimento dell’inglese. Dopo aver letto i nostri consigli, allontanerai dalla tua mente ciò che ti impedisce di crescere ed evolverti. E avrai un’idea più chiara su come imparare l’inglese velocemente.

Partiamo dai primi tre miti e analizziamoli. Il primo è: per imparare l’inglese ci vuole una vita. Possiamo smentire subito tale affermazione, poiché nel mondo di oggi l’accesso all’inglese è a portata di click e di smartphone. Le opportunità di apprendimento si trovano ovunque, dal menù di un ristorante al manuale delle istruzioni per montare un oggetto. Sfruttando queste possibilità, potrai scoprire come imparare l’inglese velocemente.

Il secondo mito, invece, è: posso imparare l’inglese da autodidatta. Anche in questo caso siamo di fronte a un’osservazione errata, perché un processo di apprendimento autonomo non porta buoni risultati. L’interazione con l’insegnante e gli altri studenti, infatti, è alla base dello studio di qualsiasi lingua. E, inoltre, è un’opportunità costante per migliorarsi, evolversi e crescere nel tempo. Infine, l’ultimo mito di questo primo terzetto è: studiare l’inglese mi tiene impegnato per tutta la giornata. Niente di più sbagliato! Studiare per troppe ore è uno stress per il cervello e per il fisico. Per ottenere i risultati migliori devi scegliere il momento della giornata in cui sei più propenso ad assimilare nuove informazioni. Non importa la quantità di tempo che riserverai allo studio dell’inglese, bensì la qualità delle ore che vi dedicherai.

Dirlo in inglese è cool!

Il quarto mito del nostro elenco è: l’inglese è molto diverso dalla mia lingua madre. Dal punto di vista filologico questa differenza è assodata, poiché siamo davanti a una lingua germanica e a una romanza. Tuttavia, nel parlato l’italiano si fonde con l’inglese in maniera indiscutibile. Nella nostra lingua, infatti, vengono adoperate circa 6000 parole di origine anglosassone. Per citare le più recenti, basti pensare a lockdown e smart working, diventate di uso quotidiano dall’inizio della pandemia. Sulla base di questi numeri, è impossibile considerare l’inglese così diverso dall’italiano, perché è diventato una lingua comunque familiare. Alla fine della fiera, imparare l’inglese non sarà un’impresa ardua, poiché molte parole del suo lessico fanno parte del nostro. Al contrario, sarà una sfida stimolante che ti farà apprezzare le somiglianze e le differenze tra i due sistemi linguistici.

Come imparare l’inglese velocemente e divertendosi

Come imparare l’inglese velocemente e divertendosi

Nella tabella qui di seguito analizziamo il quinto, il sesto e il settimo mito. Essi riguardano l’autostima, il divertimento e la strategia per l’apprendimento. Ecco come sfatare queste convinzioni che per te potrebbero essere estremamente limitanti:

5) NON RIUSCIRÒ MAI A IMPARARE L’INGLESE. LE LINGUE STRANIERE NON FANNO PER ME6) IMPARARE L’INGLESE È NOIOSO7) PER ME IMPARARE L’INGLESE RAPPRESENTA UN GRANDE SFORZO
Sicuramente hai sentito dire questa frase da tante persone. Basare su tale affermazione il tuo apprendimento è un ottimo modo per rallentarlo. Abbi sempre fiducia in te stesso e nelle tue capacità.Se ti convinci che imparare l’inglese sia noioso, evidentemente hai una concezione errata del metodo di studio. Allontana l’idea della noia e sostituisci i libri di testo con un bel film o una serie TV.Imparare diventa uno sforzo soltanto se non hai un obiettivo chiaro.

Consigli pratici

MITO 5

  • Il problema, molto spesso, sta nella strategia di apprendimento e non nella mancata propensione di uno studente. Definisci i tuoi obiettivi di studio e vedrai che riuscirai a raggiungerli.

MITO 6

  • Pensa alle tue passioni e falle diventare un’occasione di apprendimento. Potrai imparare qualcosa anche preparando una torta!

MITO 7

  • Se studi la lingua per raggiungere un traguardo che ti rende felice, il tuo percorso di apprendimento sarà una passeggiata. Ogni giorno prendi nota dei tuoi progressi, così potrai renderti conto di quanto ti avvicini progressivamente alla meta.

Gli ultimi tre miti da sfatare

Concludiamo il nostro elenco con tre affermazioni relative alla pronuncia, al costo dei corsi e all’età giusta per gli studenti. Le abbiamo raccolte in quest’altra tabella, seguita da alcuni consigli pratici:

8) NON RIUSCIRÒ MAI AD AVERE UNA BUONA PRONUNCIA IN INGLESE9) UN CORSO DI INGLESE COSTA TROPPO10) POSSONO IMPARARE L’INGLESE SOLTANTO I GIOVANI
Indubbiamente, la lingua inglese è insidiosa dal punto di vista della lettura, poiché l’ortografia non sempre corrisponde alla pronuncia. La difficoltà nell’acquisire l’accento nativo non deve scoraggiarti. Potrai comunicare benissimo anche senza un accento perfetto.Nel nostro mondo tecnologizzato, qualsiasi spesa per lo studio può essere annullata. Infatti, le app didattiche e gli innumerevoli strumenti per l’apprendimento sono una biblioteca gratuita sempre a tua disposizione.È scientificamente provato che i più giovani hanno più facilità ad apprendere. Tuttavia, questo non vuol dire che l’apprendimento dell’inglese sia precluso alle persone più grandi. L’esperienza, di fatto, è un fattore che gioca a favore in tantissime circostanze.

Consigli pratici

MITO 8

  • Uno dei tuoi cantanti preferiti è inglese? Sfrutta una piattaforma come YouTube per imparare la pronuncia delle parole divertendoti, e ascoltando le sue canzoni sottotitolate.

MITO 9

  • Come abbiamo dimostrato, oggigiorno sei circondato dall’inglese. Dunque, non devi preoccuparti di fare un costoso corso o viaggio all’estero per poterlo imparare. Puoi leggere e assimilare parole in inglese anche dalla confezione dei tuoi biscotti preferiti.

MITO 10

  • I social network sono perfetti per mettere in contatto persone di tutte le età e di ogni provenienza geografica. Sono numerosi i gruppi che riuniscono, per esempio, gli appassionati di uno sport da tutto il mondo. Iscrivendosi a un gruppo un adulto ha l’occasione di interagire con i suoi coetanei, e dunque di apprendere la lingua. Quando ci si trova in un contesto piacevole, le nuove parole si imparano più facilmente.

Come imparare l’inglese velocemente su italki

Come imparare l’inglese velocemente su italki

italki è una piattaforma che può aiutarti a sfatare le convinzioni che possono influenzare negativamente il tuo apprendimento dell’inglese. Esplorando il sito Internet di italki, infatti, ti renderai conto che imparare l’inglese non è un’impresa impossibile. E capirai che, soprattutto grazie alla tecnologia, disponi di un vasto numero di risorse e strumenti didattici.

Con l’aiuto del tuo professore di inglese troverai la strategia e il metodo migliori per il tuo apprendimento. Inoltre, con lui potrai capire come imparare l’inglese velocemente, seguendo un percorso in cui farai progressi graduali. Migliorare a poco a poco, infatti, agevola il consolidamento delle nuove conoscenze.

Tra gli strumenti fondamentali per imparare l’inglese rientra senza dubbio la lettura. Consultando l’articolo su italki intitolato “Come leggere un libro in lingua inglese”, scoprirai la metodologia giusta per sfruttare questo mezzo. Come abbiamo dimostrato, l’inglese è imprescindibile in innumerevoli contesti. Per approfondire l’argomento, ti consigliamo di cliccare su questo link.

 

Related Posts