È difficile imparare il francese?
Francese

È difficile imparare il francese?

Il francese è considerata la lingua più romantica del mondo o, comunque, occupa una buona posizione tra quelle che presentano la musicalità più dolce. Spesso, la lingua francese viene naturalmente accostata alle magiche atmosfere della “ville lumière”: parliamo di Parigi, capitale della Francia, città che nell’immaginario comune rappresenta il luogo degli innamorati e dell’amore.

Molti però non sanno che il francese è anche una lingua estremamente utile, indispensabile per cogliere tantissime opportunità professionali e di studio. Infatti, il francese è tra le lingue più parlate al mondo e, soprattutto, in tutto il mondo: è una lingua praticata sia come prima che come seconda lingua in Canada, in Lussemburgo, nel Principato di Monaco, in Svizzera e, ovviamente, in Francia.

Ma è difficile imparare il francese? Quali sono le difficoltà principali che si possono incontrare quando ci si approccia all’apprendimento di questa lingua? E, soprattutto, come fare per superarle e imparare il francese con successo?

Le principali difficoltà della lingua francese

Le difficoltà che si possono incontrare quando ci si avvicina alla lingua francese e si inizia un percorso di studio, riguardano sostanzialmente cinque macro aree specifiche:
– la fonetica, con la particolarità della “r” rotonda;
– la grammatica;
– l’ortografia;
– il parlato e la conversazione;
– il lessico e il vocabolario.
Ognuna di queste aree presenta le sue difficoltà, ma, come accade per ogni lingua da imparare, esistono anche dei metodi per superarle. Vediamoli nel dettaglio.

È difficile imparare il francese

La difficoltà della fonetica francese

Spesso sottovalutato, questo aspetto della lingua francese è cruciale per padroneggiarla e imparare a comunicare soprattutto con le persone del luogo. Per un italiano che si avvicina alla lingua francese, la fonetica rappresenta spesso un grande problema: è soprattutto la pronuncia della “r” a spaventare, in quanto molto lontana dal suono della “r” che diamo noi in Italia.

Non solo: tra le varie componenti della fonetica della lingua francese di cui tenere conto c’è la “liaison”, ovvero il legame che si crea tra due parole in determinate circostanze. Ma quando è necessario applicare questa regola e quando non lo è? È bene ricordare che, in francese, la “liaison” è da applicare necessariamente quando due parole si pronunciano senza una pausa tra di loro e quando la seconda parola inizia per vocale o ‘h muta’.

Volendo fare un esempio, applicheremo la “liaison” in questo tipo di frase: “vous avez un chat”, letteralmente tradotto con “voi avete un gatto”, prevede che la “s” finale di “vous” venga pronunciata e legata alla “a” di “avez”.

In ultimo, ma non meno importante, c’è da considerare che in francese alcune lettere presentano una pronuncia variabile e che, quindi, non vengono sempre pronunciate allo stesso modo. Ad esempio, alcune lettere non si pronunciano in base alla posizione che occupano all’interno di una parola e altre lettere, invece, si pronunciano in modo diverso in base alle lettere che le precedono o che, al contrario, le seguono.

La difficoltà della grammatica francese

La grammatica è sicuramente l’aspetto più oneroso di una lingua, quello più complesso, a cui si deve dedicare estrema attenzione in quanto è il fattore su cui si posa l’intera base della conoscenza linguistica. Una buona padronanza della grammatica permette di acquisire una certa sicurezza, sia in fase di comprensione di un testo che in quella di scrittura, che, ancora, nel parlato. Anche nella grammatica francese sono presenti alcune difficoltà che potrebbero rappresentare un problema per chi decide di imparare il francese.

Prima tra tutti, la composizione della frase interrogativa che, in francese, può essere composta in tre modi diversi. La costruzione delle domande da porre varia in base a tutta una serie di fattori e va valutata attentamente, in base al contesto in cui la frase interrogativa viene utilizzata.

Una potenziale difficoltà arriva anche dalla costruzione di una frase negativa. In francese, la negazione prevede l’utilizzo di una particella in più rispetto alla modalità a cui siamo abituati in italiano. Una difficoltà che aumenta se, all’interno della frase, sono presenti altre particelle complesse come verbi composti e preposizioni, che richiedono una certa capacità di alternare le parole nel modo corretto.

Un’altra caratteristica che potrebbe rappresentare una difficoltà, sono i gallicismi. Il francese, nonostante sia una lingua di origine latina, ha risentito notevolmente della presenza del popolo dei Galli. Questo ha portato ad avere, oggi, una costruzione un pò particolare di frasi che esprimono azioni e momenti al passato, presente e futuro.

Ultimo, ma non meno importante in una scala di difficoltà, c’è la concordanza dei tempi verbali. Il francese differisce in maniera importante dall’italiano soprattutto nella coniugazione dei tempi verbali.

È difficile imparare il francese

La difficoltà del vocabolario francese

Oltre l’ortografia – che presenta le sue difficoltà soprattutto nella scrittura e nella scelta delle vocali accentate – un aspetto particolarmente impegnativo di cui si deve tenere conto quando si decide di imparare il francese, è il vocabolario. Avere un buon bagaglio a livello lessicale è indispensabile a padroneggiare una lingua, soprattutto in fase di parlato, quando si deve portare avanti una conversazione. Tra le difficoltà che rendono particolarmente insidioso l’apprendimento del vocabolario francese c’è la formazione della forma maschile e della forma femminile di nomi e aggettivi.

Risulta particolarmente difficile la formazione del femminile quando si parte dal maschile, ma è sufficiente imparare poche regole per farlo al meglio.
Oltre a questo aspetto, potrebbe causare delle difficoltà la formazione del plurale di nomi e aggettivi, in quanto, accanto alla regola di base, esistono tantissime eccezioni e casi particolari da imparare e da tenere bene a mente.

Da non dimenticare i cosiddetti “falsi amici”, come in ogni lingua straniera: parliamo di quelle parole che, per assonanza o struttura, ricordano tanto delle parole italiane ma che, invece, hanno un significato totalmente diverso.

Supera le difficoltà della lingua francese con italki

Se vuoi imparare il francese e superare tutte queste difficoltà con successo, scegli un professore di francese su italki: avrai a disposizione un tutor altamente qualificato, capace di creare per te un piano di studio personalizzato, secondo i tuoi tempi e le tue esigenze di costo. Definisci i tuoi obiettivi e non farti spaventare dagli aspetti più difficili della lingua francese: con un professionista italki, potrai conseguire qualsiasi risultato, online.

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti consigliamo di continuare a leggere Come imparare il francese conversando – Lezioni privati

Related Posts