Qual è l’origine della lingua portoghese?
Portoghese

Qual è l’origine della lingua portoghese?

Può sembrare sorprendente, ma devi sapere che la lingua portoghese è molto più diffusa di quanto tu possa immaginare. Si tratta infatti dell’ottava lingua più parlata al mondo. Questo risultato è soprattutto dovuto alla colonizzazione avvenuta alcuni secoli fa.

Oggi ti raccontiamo la storia di questa lingua tanto interessante. Ti aiuteremo a capire le origini della lingua del Portogallo e allo stesso tempo ti daremo spunti su come studiare questo idioma. Cominciamo questo percorso partendo dai dati relativi alla diffusione della lingua portoghese.

Quanti parlano la lingua portoghese oggi

La lingua del Portogallo oggi è parlata, oltre che nella nazione d’origine, soprattutto in Brasile. Il portoghese brasiliano (che è in parte diverso) viene utilizzato da oltre 150 milioni di persone. Inoltre si stima che ancora oggi 4,5 milioni di persone parlino in Africa la lingua portoghese. A questi si devono aggiungere le diverse centinaia di persone che parlano questo idioma nel Nord America.

Questa importante diffusione della lingua portoghese è chiaramente dovuta alla creazione dell’impero coloniale del Portogallo. Questa espansione cominciò già nel XV secolo con la presa di varie isole atlantiche come Madeira e Capo Verde, per poi scendere in Africa.

La lingua del Portogallo trovò terreno fertile in particolare nell’attuale Angola e in Mozambico. Con la scoperta del nuovo mondo l’impero portoghese trovo casa anche in Brasile. In totale la colonizzazione ha toccato ben 53 paesi, anche se sono poche le zone in cui la lingua portoghese ha attecchito in modo duraturo.

In Africa esiste il PALOP che riunisce le 5 nazioni che hanno la lingua portoghese come idioma ufficiale. Si tratta dei seguenti paesi.

  • Angola
  • Capo Verde
  • Guinea-Bissau
  • Guinea Equatoriale
  • Mozambico
  • São Tomé e Príncipe

In questi casi il parlato risulta abbastanza rispondente alla lingua del Portogallo ufficiale. Nel caso del Brasile parliamo invece di portoghese brasiliano, perché comunque siamo di fronte a modifiche più marcate. Questo fatto è dovuto a tutta una serie di parole di derivazione della lingua degli autoctoni e di quella degli schiavi africani.

Quindi la lingua portoghese è diffusa oggi in pochi paesi estremamente popolosi che lo rendono un idioma comunque molto parlato a livello di numeri. Questo ne fa la seconda lingua romanza più parlata al mondo dopo lo spagnolo. Ma quali sono le lingue romanze?

La lingua del Portogallo è romanza

La lingua del Portogallo è romanza

Abbiamo appena fatto riferimento alle lingue romanze, quindi dobbiamo spiegarti perché la lingua portoghese fa parte di questo gruppo. Una lingua è romanza quando discende direttamente dal latino, l’idioma parlato dagli antichi romani. Altri modi di denominare queste lingue è latine o neolatine.

Le principali lingue romanze sono:

  1. italiano
  2. spagnolo
  3. francese
  4. portoghese
  5. romeno

Ve ne sono anche altre che vengono considerate lingue minori oppure sottodialetti. Sempre a causa della massiccia attività di colonizzazione, lo spagnolo è la lingua romanza più parlata al mondo, seguita dalla lingua portoghese.

L’anno fondamentale per la nascita dell’attuale lingua del Portogallo è il 218 avanti Cristo. Infatti in quell’anno i romani conquistarono la Lusitania e altre terre circostanti.

La lingua che si ritiene fu importata in quelle zone è il cosiddetto “Latino Volgare”. Si tratta dunque della forma strettamente parlata di questa lingua, distante da quella di personaggi importanti come Tito Livio o Cicerone.

Il latino volgare è considerato l’idioma da cui sono nate poi tutte le lingue romanze, compresa la lingua portoghese. In seguito, con la dissoluzione dell’impero romano, la lingua degli antichi romani finì per scomparire, sostituita da un linguaggio ibrido composto da varie influenze.

Prima però di arrivare alla lingua del Portogallo di oggi non possiamo non citare il periodo di dominazione ottomano. In questi quattro secoli di dominazione ovviamente la lingua araba e la lingua romanza del periodo furono in lotta costante.

Solo nel 1143, con la nascita dello stato del Portogallo si posero le basi per l’attuale lingua portoghese. A partire dalla seconda metà del XIII secolo vennero quindi stilati i primi documenti ufficiali scritti nella lingua dello stato.

In questo modo si posero le basi per la diffusione di questo idioma durante la successiva fase di colonizzazione.

Alcune caratteristiche della lingua portoghese

Adesso andiamo a vedere quali sono i punti distintivi della struttura grammaticale della lingua originaria del Portogallo. Vedremo che per molti punti non differisce da quella italiana. Cominciamo parlando della struttura della frase. In questo caso sia di fronte al classico modello basato sul soggetto, seguito dal verbo e poi dall’oggetto della frase. La lingua portoghese  quindi è identica a quella italiana, inglese, spagnola e molte altre lingue. Non avrai dunque difficoltà a comporre la frase, perché conosci alla perfezione questo schema linguistico.

Dal punto di vista dei generi, siamo sullo stesso ordinamento di quella italiana, perché ci sono solo il maschile e il femminile. Ad esempio nello spagnolo c’è anche il neutro, come ce l’aveva il latino. In genere le parole maschili terminano per “-o” e quelle femminili per “-a”. Le parole in “-ao” possono essere maschili o femminili, seguendo precise regole.

Come per l’italiano le parole che terminano in “e” sono di entrambi i generi a seconda dei casi, mentre quelle che terminano in “-gem” sono femminili.

Nella creazione delle parole plurali c’è un’interessante similitudine tra la lingua portoghese, quella spagnola e quella inglese. Infatti, di solito, si ottiene la parola plurale aggiungendo in fondo a quella singolare la lettera “s”. Ricorda però che non è una regola che vale sempre, quindi cerca di evitare errori che possono risultare spiritosi per chi parla la lingua del Portogallo.

Per quanto riguarda i verbi la struttura è pressoché identica a quella italiana, con un’interessante differenza. Anche in italiano c’è il classico indicativo presente e il cosiddetto “presente continuativo”. Perché c’è l’espressione “io lavoro” e “io sto lavorando”. Nella lingua portoghese è più semplice perché a “stare” basta far seguire l’infinito del verbo principale.

Piccoli consigli per imparare velocemente questa lingua

Adesso che sai molto di più sulla storia e sulle origini dell’idioma lusitano, avrai il desiderio di conoscerlo meglio. Tuttavia devi essere consapevole che imparare la lingua portoghese, come tante altre, richiede metodo e pazienza.

Per questo motivo ti diamo anche degli utili consigli per essere pronto per lo studio e per fare progressi in modo più rapido ed efficace. Ecco dunque alcune indicazioni su come cominciare.

Cominciare con il piede giusto usando testi adeguati

La lingua del Portogallo, anche se molto simile a quella dell’Italia, ha una grammatica che va studiata con attenzione. Allora non puoi fare a meno di un libro di grammatica portoghese scritto in italiano. In questo modo potrai imparare tutti i segreti di questa lingua e non fare errori facilmente evitabili.

Allo stesso modo devi anche procurarti un vocabolario portoghese italiano aggiornato. Infatti non ti consigliamo un dizionario di lingua portoghese che contenga tutte le novità. È davvero importante che tu conosca tutti i nuovi termini che di solito sono diventati di uso comune.

Guardare film in lingua portoghese

Le nuove espressioni e piccole frasi che trovi anche nel libro di grammatica e nel dizionario le trovi senza dubbio anche nei film. Ci sono infatti su internet numerose pellicole in lingua portoghese che puoi trovare anche con sottotitoli. Perché è davvero importante capire anche le varie intonazioni utilizzate nella pronuncia di ogni frase.

Se invece sei più interessato al portoghese brasiliano è consigliabile optare per i film realizzati in Brasile. Questo perché la versione brasiliana della lingua portoghese è stata oggetto di varie influenze e potresti non comprendere tutto.

Infatti la lingua del Portogallo in Brasile ha subito modifiche da parte dalla popolazione autoctona e dagli schiavi africani portati per lavorare nei campi.

Fare pratica scritta e parlata

Fare pratica scritta e parlata

Se hai l’obiettivo d’imparare la lingua del Portogallo, ovviamente devi dedicare tempo alla pratica scritta e parlata. Un consiglio che sentiamo di darti è di fare una parte delle esercitazioni scrivendo a mano. Anche questo è un sistema ideale per memorizzare tante parole e frasi della lingua portoghese.

Inoltre è importante poter fare pratica di conversazione spesso. In rete non è difficile trovare gruppi di conversazione e fare nuove amicizie. Una bella chiacchierata in lingua portoghese ti aiuterà a fare grandi progressi, anche in previsione di un viaggio in Portogallo. Ma se vuoi essere certo d’imparare affidati a italki.

Studia la lingua portoghese con italki

Testi adeguati, fare tante pratica e guardare film in lingua portoghese brasiliano. Basta solo questo? No, non è abbastanza, hai bisogno di affidarti a una piattaforma di studio online come italki. La lingua portoghese, come tutte le altre, non avranno più segreti per te. Su italki puoi imparare il portoghese in modo efficace. Troverai qui il professore di portoghese più adatto al tuo livello e alle tue esigenze. Affidati a italki per imparare tutte le lingue straniere che desideri.

 

 

Related Posts