Community Web Version Now Available
Angelo
Leonardo Da Vinci: 10 curiosità che in pochi conoscono (prima parte)

Are you interested in the marvellous Italian art? Would you like to know more about the history of medieval, modern and contemporary art? Don't hesitate to contact me! We will talk about it with the tutor Lucia C., expert at art.

Siete interessati alla splendida arte italiana? Volete approfondire la storia dell'arte medievale, moderna o contemporanea? Non esitate a contattarmi! Ne parleremo insieme alla tutor Lucia C., esperta d'arte.

 

*Please note that this article about Leonardo is written by the tutor Lucia. Feel free to ask me for her contacts*

 

Su Leonardo Da Vinci sappiamo tutti molte cose. Qualsiasi libro di arte o di cultura generale che parli dell’artista ci dice che nasce il 15 aprile 1452 a Vinci e, dopo essersi formato presso la bottega del Verrocchio, inizia la sua carriera artistica che lo porterà presso le più grandi corti d’Italia fino a morire il 2 maggio 1519 presso la corte di Francesco I ad Amboise.
Conosciamo inoltre tante invenzioni del grande Leonardo, sappiamo che fu pittore, scultore, architetto, inventore e persino urbanista!
Ci sono però alcune piccole curiosità di cui non si parla mai: se siete desiderosi di conoscerle non potete perdere questo articolo!

1- FU UN CARICATURISTA
Sembra che Leonardo non apprezzasse solo la bellezza ma fosse particolarmente attratto anche dalla deformità. Secondo alcune cronache, una sera l’artista organizzò un banchetto con gli uomini più brutti della città e li intrattenne tutta la sera raccontando barzellette, in modo da distorcere il più possibile i lineamenti dei loro volti a causa delle risa. Passò poi la notte a disegnare quelle facce. Disegnare caricature fu per Leonardo un mezzo fondamentale per approfondire la sua conoscenza dell’anatomia. Ad oggi conserviamo almeno un foglio con disegni di teste maschili i cui tratti del volto e la forma del viso sono esasperati fino a raggiungere un effetto grottesco.

2- FECE SCOPERTE FONDAMENTALI DI ANATOMIA
Alla fine del 1400 non era così semplice riuscire a studiare il funzionamento del corpo umano e gli organi di cui è composto analizzandone uno reale.
La Chiesa non permetteva, infatti, gli studi sui cadaveri umani; questo genere di esperimenti era ammesso solo all’interno delle Università di medicina e la partecipazione riservata solo agli studenti. Sembra quindi che Leonardo si sia servito di cadaveri trafugati dall’obitorio dell’ospedale servendosi dell’aiuto di alcuni amici medici.
Per permettere il mantenimento delle carni, non avendo celle frigorifere, eseguiva questi esperimenti durante i mesi più freddi dell’anno. Sembra che in tutto abbia sezionato circa 30 corpi umani tra uomini e donne, grazie ai quali avrebbe scoperto il corretto funzionamento del cuore, la presenza dell’appendice e il funzionamento dei nervi ottici.

3- DETTE PROVA DELLA FALSITÀ DEI CHIROMANTI
Esiste un codice secondo il quale Leonardo avrebbe speso 6 soldi per farsi predire il futuro da una chiromante.
In realtà egli non credeva a queste pratiche; in alcuni suoi scritti parla proprio della chiromanzia e la definisce “fallace”. Per provare questa sua tesi Leonardo propone un esperimento: se fosse vero quanto sostengono le chiromanti, due persone della stessa età e morte nello stesso momento dovrebbero avere sulla mano la linea della vita della stessa lunghezza. Ma, confrontando realmente due mani di soggetti che rispondono a queste caratteristiche, non si troveranno mai linee uguali. Per questo, ogni predizione sul futuro è da considerare falsa.

4- SUA MADRE NON ERA ITALIANA
Sappiamo che Leonardo nacque da una relazione illegittima tra Ser Pietro da Vinci, notaio proveniente da una famiglia facoltosa, e Caterina, una donna appartenente ad una inferiore classe sociale.
Secondo alcuni studiosi la donna proveniva dall’Oriente. Caterina era, infatti, un nome molto diffuso tra le schiave provenienti dal Medio Oriente o dall’Est Europa costrette a convertirsi al cattolicesimo e scegliere un nome cristiano. Inoltre sono state analizzate recentemente le impronte digitali dell’artista rilasciate sulla tela del San Gerolamo; dopo un’attenta analisi gli studiosi hanno dichiarato che queste mostrano delle somiglianze con un tipo diffuso tra le popolazioni arabe.

Jan 10, 2015 12:44 PM
0
0
Comments · 0
No comments yet
Angelo
Language Skills
English, Italian, Spanish
Learning Language