Come insegnare il francese ai bambini
Francese

Come insegnare il francese ai bambini

Senza ombra di dubbio, imparare una nuova lingua richiede tempo e pazienza. Tuttavia, c’è chi riesce a portare avanti questa attività in maniera spontanea e intuitiva, senza fare molta fatica. Stiamo parlando dei bambini, per i quali è facile sia acquisire la lingua materna che studiarne una seconda. Numerose ricerche, infatti, dimostrano che il periodo fino ai sette anni è il migliore per l’apprendimento di un nuovo idioma.

Ovviamente, questo vale anche per il francese. In questo articolo ti daremo i nostri suggerimenti su come insegnare il francese ai bambini e, per quanto possibile, su come farlo in maniera divertente.

Come insegnare il francese ai bambini: gli input iniziali

Chiaramente, le indicazioni su come insegnare il francese ai bambini divergono da quelle su come insegnare il francese agli adulti. Bisogna partire da una considerazione fondamentale: ogni bambino ha abilità differenti! E, inoltre, ogni bambino ha sviluppato la sua produzione verbale in un’età diversa, a seconda della sua natura. Ciò è dovuto agli input che ha ricevuto e che hanno stimolato la connessione tra le cellule del suo cervello. La parola chiave è proprio cervello, perché la funzione del linguaggio si sviluppa da lì.

Non esiste una regola assoluta su come insegnare il francese ai bambini. Ciononostante, tutti i bambini, indistintamente, sono predisposti ad apprendere le lingue costantemente. Quindi, per loro anche imparare il francese è un traguardo più facilmente raggiungibile.

Sebbene non ci sia un libretto d’istruzioni per l’insegnante, ci sono comunque delle indicazioni a cui potersi attenere. Una di queste è la capacità dei più piccoli di riconoscere e usare qualsiasi suono. Essa si sviluppa già dal quarto mese di età, ed è sfruttata nell’acquisizione della lingua madre. Ciò non significa, logicamente, che non si possa analogamente usare per l’apprendimento di una seconda lingua. Pertanto, i suoni delle parole sono un’ottima base di partenza per l’insegnamento del francese ai bambini.

Imparare le lingue: perché i bambini partono avvantaggiati?

Tra canzoni, filastrocche e tecnologia

Per comprendere bene come insegnare il francese ai bambini devi partire dalla risposta alla domanda che abbiamo inserito nel titolo. Fondamentalmente, i bambini sono avvantaggiati nello studio di una lingua perché imparano inconsapevolmente. Cioè, non hanno deciso loro di apprendere e quindi stabiliscono tramite gli insegnanti un contatto costante con la lingua target. Questo li porta ad avere un approccio più rilassato allo studio, privo delle costruzioni mentali degli adulti. Ciò accade poiché nei bambini alcune reti e connessioni neurali non si sono ancora formate. E dunque l’apprendimento avviene in maniera più automatica e fluida.

Per definire come insegnare il francese un docente deve conoscere perfettamente le situazioni di apprendimento dei bambini. Infatti, ci si può trovare di fronte a due tipologie di alunni. Quelli che sono figli di madrelingua francesi, e quindi sono totalmente immersi nella lingua anche a casa e, d’altra parte, quelli che studiano francese soltanto perché è previsto a scuola. Dunque, l’insegnante deve creare un metodo didattico per coinvolgere pure i bambini che già conoscono la lingua.

Per questo motivo, come dicevamo all’inizio, vogliamo darti alcuni spunti divertenti per insegnare il francese ai bambini. È fondamentale, soprattutto, non fare annoiare i piccoli che potrebbero conoscere la lingua fin dalla nascita. Per riuscirci occorre mantenere sempre alta l’attenzione, e a questo scopo possono esserti utili i giochi e altre attività stimolanti.

Lettere dell’alfabeto: nomi, colori e numeri

Riassumendo, per definire come insegnare il francese ai bambini ci sono due ottimi punti di partenza a cui abbiamo accennato. Il primo è la loro naturale propensione a imparare le lingue. Il secondo, invece, è la loro sviluppatissima capacità di riconoscere e usare i suoni.

Lavorando su queste basi si può partire con le lettere dell’alfabeto. Un buon metodo per farle imparare ai più piccoli è associarle a dei disegni che raffigurano oggetti da loro conosciuti. Per esempio, prendiamo l’albero, il pallone, il cane, i fiori, la frutta, la torta, la casa e il treno. Sono tutti oggetti che possono appartenere alla vita quotidiana dei bambini. Quindi, se la loro lettera iniziale sarà letta e poi associata a un disegno, per loro sarà facilissimo memorizzare l’alfabeto. Lo stesso vale per i colori e i numeri. Anche in questo caso le immagini possono essere usate come stimolo per l’apprendimento.

Come è stato notato, è preferibile che non manchi mai una componente divertente. Per apprendere gli elementi che abbiamo appena menzionato si possono usare giochi e indovinelli. Mettiamo il caso che tu ti trovi in una situazione che abbiamo ipotizzato. Cioè, che tu sia un insegnante e che nella tua classe ci siano alunni che conoscono già il francese. La cosa migliore per coinvolgere questi ultimi e non farli annoiare è renderli gli attori principali dei giochi didattici. Potrebbero, ad esempio, diventare i “pittori” dei disegni da usare per imparare l’alfabeto. Oppure fare i “presentatori” di un gioco in cui gli altri compagni devono indovinare nomi, colori e numeri.

Come insegnare il francese divertendosi

A rischio di sembrare noiosi, prima di procedere con altri nostri suggerimenti ribadiamo il concetto che per noi è fondamentale. Alla domanda “Come insegnare il francese ai bambini?”, l’unica risposta possibile è: divertendosi! Sottolineiamo che questo vale per gli insegnanti di francese ma non solo. Infatti, è un consiglio anche per i genitori di madrelingua francese che intendono insegnare ai figli il proprio idioma nativo.

Se pensi di riuscire a catturare l’attenzione dei più piccoli con un metodo didattico tradizionale, ti sbagli di grosso. In questo caso, saresti ripagato con la reazione che spesso hanno davanti a un piatto di minestrone: un rifiuto totale! Qui di seguito troverai alcune indicazioni che ti salveranno da queste potenziali situazioni di disagio. Abbiamo raccolto in due tabelle i nostri “ingredienti” per rendere l’apprendimento dei bambini gustoso come una torta al cioccolato. Armati di pazienza e perseveranza, e divertiti insieme ai tuoi piccoli studenti. Ecco la prima tabella:

GIOCARE CON LE PAROLEGUARDARE I CARTONI ANIMATILEGGERE LE FIABE IN DUE LINGUECREARE UN RITUALE IN LINGUA CON I BAMBINI

Spiegazione nel dettaglio

GIOCARE CON LE PAROLE

  • Come è stato dimostrato, giocare con le parole aiuta la memorizzazione e l’apprendimento. Ungioco che ti suggeriamo è quello del Memory. Stendi su un tavolo tessere che ritraggono animali, piante o comunque oggetti familiari per i bambini. Il principio è che il bambino memorizzi la posizione delle tessere uguali, man mano che le solleva. Ovviamente, vince chi toglie più coppie di tessere dal piano di gioco.

CARTONI ANIMATI

  • Da sempre, quello tra bambini e cartoni animati è un binomio indissolubile. Guardare i cartoni coi sottotitoli è un ottimo modo per imparare tante parole divertendosi. Attualmente, si possono trovare molti contenuti su Disney Plus e Netflix.

FIABE IN DUE LINGUE

  • Adoperando un’edizione bilingue di un libro di fiabe, per i bambini sarà facilissimo apprendere le parole. In particolare, nel caso in cui leggano una storia in francese che hanno già letto in italiano.

CREARE UN RITUALE IN FRANCESE

  • Per rendere ancora più naturale l’apprendimento per i bambini, l’ideale è creare un rito con loro. Ad esempio, se incontri i piccoli sempre alla stessa ora del mattino, potresti inventarti la colazione interamente in francese. Se sei un genitore di madrelingua francese, naturalmente non avrai problemi. Potrai creare un rituale in lingua con tuo figlio a qualsiasi ora.

Tra canzoni, filastrocche e tecnologia

Tra canzoni, filastrocche e tecnologia

Ecco altri quattro suggerimenti su come insegnare il francese ai bambini. Tra questi abbiamo inserito le canzoni, le filastrocche e le possibilità offerte dalla tecnologia:

CANZONI E FILASTROCCHEFRASARIO PERSONALEIMPARARE CON LA TECNOLOGIAPARLARE DI VIAGGI

Spiegazione nel dettaglio

CANZONI E FILASTROCCHE

  • Utilizzare canzoni già esistenti o crearne di nuove è un altro strumento ideale per insegnare una lingua ai bambini. In questa maniera, i piccoli si concentreranno sul ritmo e sulla canzone, imparando inconsapevolmente. Lo stesso vale per le filastrocche.

FRASARIO PERSONALE

  • Man mano che si procede con l’apprendimento è utile che i bambini annotino le parole che imparano. Così, potranno crearsi un loro vocabolario e consultarlo ogni qualvolta vorranno.

TECNOLOGIA

  • Al giorno d’oggi i bambini sembrano nascere esperti in tecnologia. E allora perché non approfittarne? Un cartone animato sul loro tablet, un video musicale sullo smartphone dei genitori o un videogioco in francese. Ognuno di questi strumenti può essere utile all’apprendimento!

VIAGGI

  • Sicuramente, un altro modo per stimolare l’apprendimento può essere parlare di viaggi. La prima meta che ti consigliamo è Eurodisney. A quale bambino non piacerebbe imparare il francese se sapesse di poter parlare direttamente con Topolino?

Contatta un insegnante su italki

Che tu sia un genitore o un insegnante di francese per bambini, puoi trovare ulteriori suggerimenti su italki. Contatta un esperto professore di francese madrelingua e condividi con lui le idee su come insegnare il francese ai bambini.

Se sei interessato anche a una tematica per adulti, ovvero lo studio individuale, ti consigliamo un articolo. Il titolo è: “Studiare il francese da autodidatta”.

Related Posts